Archivio per la categoria ‘Intraducibilità’

La psicoanalisi in generale, al lettore non di lingua tedesca, appare spesso infarcita di parole di difficile comprensione, come se non solo il sistema, ma anche la terminologia, fosse stata inventata di sana pianta. In parte è stato così, Freud ha creato neologismi o ha applicato termini noti per esprimere concetti nuovi. Ma Freud era molto attento a scegliere parole per la costruzione del suo sistema teorico che fossero vicine alla lingua parlata, che potessero dare un’idea immediata del costrutto sottostante.

(altro…)

Che cos’è l’es? In italiano questa parola suona astrusa, distante, appunto perché termine straniero e non collegabile a niente di noto. Ma Freud è stato sempre molto attento a scegliere per la costruzione del suo sistema teorico termini ed espressioni che fossero vicini alla lingua parlata, che fossero immediatamente percepibili dal parlante tedesco come dotati di senso. Ho scelto alcuni esempi per illustrare questo punto.

(altro…)