Posts contrassegnato dai tag ‘Freud’

Nel Compendio del 1923 Freud stesso osserva che la psicoanalisi «non è balzata fuori dalla roccia, né è caduta dal cielo» ma si riallaccia a sollecitazioni e materiali che le preesistevano. L’indiscusso iniziatore di questa disciplina, il padre della psicoanalisi, non poteva che essere coscio dei lasciti dei propri contemporanei e predecessori. Pena la coerenza di quell’edificio, che pure è sua opera unica e creativa, che appunto si fonda su un sapere ‘archelogico’, che è scienza delle tracce (Spurenwissenschaft), per non cadere in una forse impossibile attribuzione a uno dei due poli ‘scienza dello spirito’ (Geisteswissenschaft) o ‘scienza della natura’ (Naturwissenschaf), secondo la distinzione compiuta da Dilthey, all’epoca della disputa sul Metodo.

(altro…)

Annunci

La psicoanalisi in generale, al lettore non di lingua tedesca, appare spesso infarcita di parole di difficile comprensione, come se non solo il sistema, ma anche la terminologia, fosse stata inventata di sana pianta. In parte è stato così, Freud ha creato neologismi o ha applicato termini noti per esprimere concetti nuovi. Ma Freud era molto attento a scegliere parole per la costruzione del suo sistema teorico che fossero vicine alla lingua parlata, che potessero dare un’idea immediata del costrutto sottostante.

(altro…)

Che cos’è l’es? In italiano questa parola suona astrusa, distante, appunto perché termine straniero e non collegabile a niente di noto. Ma Freud è stato sempre molto attento a scegliere per la costruzione del suo sistema teorico termini ed espressioni che fossero vicini alla lingua parlata, che fossero immediatamente percepibili dal parlante tedesco come dotati di senso. Ho scelto alcuni esempi per illustrare questo punto.

(altro…)

Le pietre, le parole e la psicoanalisi

Da poco uscito presso Mondadori, nella collana ‘Testi e Pretesti’, il volume di Giancarlo Ricci “Sigmund Freud. La vita , le opere e il destino della psicanalisi” è un pregevole strumento per chi si accosta per la prima volta al pensiero del fondatore della psicoanalisi: di agevole lettura, esso è corredato da una bibliografia ragionata, utilissima per l’approfondimento di specifici temi. Ma la lettura di questo libro può essere una buona bussola anche per chi già naviga nelle acque non sempre limpide della psicoanalisi contemporanea. Il racconto della genesi della ‘scoperta scientifica’ freudiana si intreccia con la storia e la cultura europea della fine del secolo, dando voce ai personaggi chiave che di quella cultura sono stati i protagonisti maggiori.

(altro…)